Soros

Soros e l’Ucraina

December 9, 2019

Notizie Brevi, Politica, Strategia

(free) – di Paolo Balmas -

L’analisi delle e-mail scambiate nel 2016 fra i rappresentanti della Open Society Foundation di George Soros, rivela i legami fra questa e la squadra di Obama per la politica estera. Le e-mail sono state rese pubbliche lo scorso agosto 2019 su richiesta del gruppo conservatore Citizens United appellatosi al Freedom of Information Act. Le e-mail dimostrano l’interesse della Open Society nell’influenzare l’amministrazione Obama sulla politica in Ucraina e in Georgia.

Le e-mail erano indirizzate a Eric Ciaramella (si veda la notizia sull’impeachment sopra), e Victoria Nuland, l’allora Assistente segretaria per gli Affari europei. La Nuland riceveva le e-mail da Christopher Steele, autore dell’anti-Trump report che la stessa Nuland cercava in quei giorni di portare all’attenzione del Segretario di Stato Kerry. Altri aggiornamenti sulle vicende in Ucraina e consigli sulle misure da adottare arrivavano alla Nuland da Soros. Inoltre, la squadra di Obama veniva aggiornata sulle attività di Soros in Ucraina da Keff Goldstein, analista politico per l’Eurasia presso la Open Society.

Soros, secondo quanto riportato dai media negli Usa, avrebbe incontrato il Commissario europeo per le politiche di allargamento dell’Unione e il primo ministro ucraino, Volodymyr Groysman. Una delle questioni trattate nelle e-mail in riferimento a questi incontri era la liberalizzazione dei visti fra l’UE e la Georgia, di cui la Open Society chiedeva un rinvio.

- Newsletter Transatlantico N. 33-2019

Iscriviti per accedere a tutte le notizie

, ,

No comments yet.

Leave a Reply