Elizabeth Warren working families

Elizabeth Warren guarda alla Casa Bianca

October 4, 2018

Notizie Brevi, Politica

(free) – La Senatrice Elizabeth Warren, democratica del Massachusetts, ha dichiarato che dopo le prossime elezioni di medio termine, valuterà la possibilità di candidarsi a presidente degli Stati Uniti. “E’ ora che le donne vadano a Washington per riparare il nostro governo, e questo comprende una donna in cima. Quindi ecco il mio impegno: dopo il 6 novembre guarderò seriamente alla possibilità di candidarmi a presidente”, ha detto nel corso di un comizio elettorale il 30 settembre.

Warren è una delle stelle dell’ala progressista del partito democratico, ex professoressa di diritto specializzata in materia di bancarotta, invisa a Wall Street per le sue forti critiche alle pratiche che hanno portato alla grande crisi del 2008, e che danneggiano i diritti dei consumatori.

In termini politici è simile a Bernie Sanders, ma con più conoscenze tecniche nel campo economico-finanziario. Ha anche la stessa debolezza, quella della politica estera, di cui parla raramente. Negli ultimi anni ha cominciato a fare viaggi internazionali però, per esempio nel Medio Oriente e in Asia, per sviluppare delle posizioni più definite. Tuttavia i suoi pronunciamenti rimangono caratterizzati da un cerchiobottismo notevole, indice di chi vuole più che altro coprire i tasselli giusti per non sembrare impreparata. Ha anche accettato senza riserve la campagna del Russiagate, nonostante le chiare contraddizioni e il suo scopo evidentemente politico.

Se dovesse candidarsi, Warren sarebbe da subito tra i preferiti nelle primarie democratiche, ma è probabile che l’ala centrista cercherà di bloccarla, scegliendo qualcuno visto come più moderato su temi economici. Si avrebbe dunque uno scontro simile a quello tra Hillary Clinton e Sanders nel 2016, una sorta di resa dei conti nel partito democratico che va oltre la questione dell’opposizione a Trump: si dovrà decidere se andare nella direzione di una politica rooseveltiana e di intervento pubblico, oppure evitare di sfidare apertamente gli interessi finanziari americani e internazionali.

- Newsletter Transatlantico N. 32-2018

Iscriviti per accedere a tutte le notizie

[/groups_non_member]

, ,

No comments yet.

Leave a Reply