President George W Bush visits CIA Headquarters, March 20, 2001.

Confermata Haspel alla guida della Cia

May 20, 2018

Notizie Brevi, Politica

(free) – di Andrew Spannaus -

Il Senato Usa ha confermato Gina Haspel come nuova Direttrice della Cia il 17 maggio, affidando ad una donna il comando dell’agenzia d’intelligence di Langley per la prima volta. Haspel lavora per la Cia da 33 anni, avendo operato come agente sotto copertura e occupato la carica di Vice Direttrice nell’ultimo anno.

La conferma di Haspel non era scontata, in quanto è stata al centro di alcuni dei programmi più controversi dell’intelligence americana negli ultimi anni, a partire dalle torture e le extraordinary renditions, cioè il trasferimento di soggetti in un paese dove possono essere detenuti ed interrogati senza dover seguire le normative americane. Haspel è stata responsabile di un “sito nero” in Tailandia dove sospetti terroristi sono stati detenuti e torturati, anche se non è chiaro se sia stata coinvolta direttamente nelle interrogazioni. Non sembrano esserci dubbi invece sul suo ruolo nella distruzione di 92 riprese video delle sessioni, permettendo di eliminare delle prove che sarebbero state oggetto delle successive indagini in merito agli abusi della Guerra al Terrore.

Durante le audizioni al Senato Haspel si è rifiutata di definire la tortura come “immorale”, ma ha affermato che non riprenderà il programma di interrogazioni “potenziate” in futuro. Alla fine ha anche dichiarato che le pratiche passate “hanno danneggiato i nostri funzionari e il nostro standing nel mondo”.

In un primo momento sembrava che i democratici potessero opporsi in blocco alla conferma di Haspel, ma nel corso delle audizioni alcuni senatori centristi hanno deciso di votare a favore. Inoltre il Senatore John McCain – vittima di torture quando era prigioniero di guerra in Vietnam – è assente in queste settimane in quanto sta affrontando una grave malattia. Alcuni membri del Senato hanno sottolineato che la mancanza della sua voce autorevole sulla questione ha contribuito all’esito finale, di 54-45 a favore della conferma.

- Newsletter Transatlantico N. 17-2018

Iscriviti per accedere a tutte le notizie

No comments yet.

Leave a Reply