James Comey

Trump e l’intelligence: la guerra maldestra

May 13, 2017

Notizie Brevi, Politica

- di Andrew Spannaus -

Il licenziamento del direttore del FBI da parte del presidente Donald Trump sta provocando una tempesta a Washington, con paragoni a Richard Nixon e speculazioni che la mossa di Trump per difendersi potrebbe in realtà essere l’inizio della sua fine. In superficie la storia è semplice:la Casa Bianca avrebbe cercato una scusa per estromettere James Comey perché stava andando avanti con l’indagine sui legami tra la Russia e la campagna elettorale di Trump. Come con tutti gli scontri intorno al nuovo presidente, in realtà c’è un altro livello da considerare.

Lo scenario più profondo, ipotizzato da alcune fonti a Washington, è questo: l’anno scorso, prima delle elezioni di novembre, alcune figure chiave nella comunità d’intelligence americana hanno raggiunto la conclusione che né Hillary Clinton né Donald Trump erano adatti a fare il presidente. Clinton era pericolosa per via del suo atteggiamento aggressivo in politica estera, e Trump semplicemente non era qualificato. Dunque si sono messi in moto dei piani per danneggiare entrambi, con la speranza di mettere un’altra persona alla Casa Bianca.

Login

oppure

Iscriviti per accedere a tutte le notizie

, , , ,

No comments yet.

Leave a Reply