Pompeo and Kim

Confermato Mike Pompeo come segretario di Stato

April 29, 2018

Notizie Brevi, Politica, Strategia

(free) – La nomina di Mike Pompeo, ormai ex-Direttore della Cia, a segretario di Stato è stata approvata dal Senato Usa il 26 aprile con un 57 voti favorevoli e 42 contrari. La conferma avviene dopo una battaglia serrata soprattutto nella Commissione Esteri del Senato, dove i democratici hanno espresso le loro preoccupazioni sulle posizioni aggressive di Pompeo rispetto agli interventi armati all’estero.

Un ruolo importante nell’avanzare la nomina è stato svolto dal Senatore del Kentucky Rand Paul – un repubblicano libertario da sempre contrario alle avventure militari. Durante le Audizioni in Commissione Paul aveva chiesto a Pompeo: “Lei sarà uno che ascolta ciò che il Presidente vuole davvero, invece di essere uno che sostiene la nostra permanenza perpetua in Afghanistan, un’altra guerra in Iraq, e il bombardamento della Siria senza autorizzazione?”

L’opposizione di Paul è stata notata da Trump stesso, che ha parlato con il Senatore e ha assicurato che “l’Iraq è stato un errore, il cambiamento di regime ha destabilizzato la regione, e dobbiamo porre fine al nostro coinvolgimento in Afghanistan”. Dunque Paul ha cambiato la sua posizione, riconoscendo che Pompeo ha “assimilato” l’idea che la guerra in Iraq è stata sbagliata. “Il tempo ci dirà se queste rassicurazioni sono vere o meno – ha dichiarato il Senatore – ma rispetto la sua parola”.

Il nuovo segretario di Stato ha smussato le proprie posizioni anche su altri punti durante le sue apparizioni al Senato. Primo fra tutti: i rapporti con la Corea del Nord. In passato Pompeo aveva espresso una posizione aggressiva, ma negli ultimi mesi non solo ha aperto alla diplomazia nelle sue dichiarazioni, ma è stato rivelato che ha incontrato Kim Jong-un di nascosto a Pyongyang all’inizio di aprile, per preparare l’imminente incontro tra il leader nordcoreano e il Presidente americano.

- Newsletter Transatlantico N. 14-2018

Iscriviti per accedere a tutte le notizie

, , ,

No comments yet.

Leave a Reply