Buenos_Aires_Argentina

La Cina continua a espandersi in Sud America

November 26, 2018

Economia, Notizie Brevi

(free) – di Paolo Balmas -

Con la decisione del El Salvador di riconoscere Pechino come capitale di una sola Cina e abbandonare di conseguenza le relazioni diplomatiche con Taipei, il mondo occidentale ha cominciato a guardare con ulteriore spirito critico le attività cinesi nelle Americhe del centro e del sud. In particolare, Washington ha ammonito dei pericoli geopolitici di tale decisione, che avrà conseguenze tanto nell’ambito della sicurezza che economico per l’intera regione. Ma le attività della Cina vanno ormai oltre la diplomazia e quello che è considerato il principale cruccio di Pechino, ovvero assicurarsi l’accesso alle materie prime di cui il continente americano è ricco. Infatti, oggi l’espansione cinese riguarda anche il settore finanziario. Il caso dell’Argentina è il più esemplare e costituisce il precedente di un fenomeno che crescerà nei prossimi anni. Buenos Aires ha proposto a Pechino un secondo currency swap del valore di circa 9 miliardi di dollari, di poco inferiore al primo. I due paesi avevano firmato un accordo in materia nel 2009. L’ampliamento della riserva in yuan in Argentina giunge con l’arrivo di Sandleris alla banca centrale, dopo le dimissioni del suo predecessore avvenute nel pieno delle contrattazioni con il Fondo monetario internazionale (Fmi) per aumentare i prestiti all’Argentina. Il nuovo dirigente ha ottenuto anche l’aumento dell’impegno del Fmi, che ha portato il piano per Buenos Aires a oltre 56 miliardi di dollari; il più alto della sua storia.

- Newsletter Transatlantico N. 38-2018

Iscriviti per accedere a tutte le notizie

, , ,

No comments yet.

Leave a Reply